Gli Ebrei Sono Matti - RomaTeatri

Vai ai contenuti
Gli Ebrei sono matti

con Dario Aggioli, Danile Giuliani
costumi e scene Arianna Pioppi, Medea Labate
maschere realizzate in gioventù da Julie Taymor
 
organizzazione Carla Damen e Diana Cagnizi
assistente alla regia Diana Cagnizi
 
aiuto regia Eleonora Leone, Elisa Carucci
ideato e diretto da Dario Aggioli
 
prodotto in collaborazione con
 
Teatro SpazioZeroNove
 
La Riunione di Condominio
 
Teatro Td IX Tordinona

Spettacolo dedicato alla memoria del Prof. Ferruccio Di Cori.
 
Durante il ventennio fascista, Enrico viene ricoverato in un manicomio vicino Torino, lontano dai suoi cari, dalla sua città e dai discorsi del Duce, da lui tanto amati.
 
Ferruccio ebreo romano costretto a fuggire, viene ricoverato nello stesso manicomio sotto un altro nome: Angelo. Il professore che dirige la casa di cura per insegnargli a comportarsi come un malato di mente, lo mette in stanza con Enrico, uno dei più innocui tra i degenti. Ferruccio per imparare ad essere un altro, si confronta con Enrico che non riesce ad essere più se stesso da tempo.
 
Un matto vero fascista e un matto falso ebreo raccontano la tragedia delle leggi razziali attraverso la comicità della situazione.
 
Lo spettacolo si ispira ad un evento veramente accaduto: nella casa di cura per malattie
 
mentali “Villa Turina Amione”, l’allora direttore, il professor Carlo Angela, padre del noto presentatore televisivo, offrì rifugio a numerosi antifascisti ed ebrei, confondendoli con i degenti. Per raccontare la patologia di Enrico, un tipo di demenza romanzata con tratti autistici, sono utilizzate alcune particolari maschere realizzate in gioventù da Julie Taymor, regista di Titus e di Frida.
 
Si ringraziano Marina Antonucci per la gentile concessione delle maschere utilizzate e Susan El Sawi per la gentile collaborazione. Inoltre un grande ringraziamento va ad Angelo Tantillo e Guglielmo favilla senza i quali non si sarebbe potuto realizzare lo spettacolo.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
dal 2013 in repertorio
Gli Ebrei sono matti
MENZIONE SPECIALE PREMIO “TUTTOTEATRO.COM” Dante Cappelletti 2010 PREMIO GIOVANI REALTà DEL TEATRO 2011
PREMIO FESTIVAL ANTEPRIMA89 2012
PREMIO MIGLIO ATTORE FRINGE ITALIA 2015
anteprima nel 2012
Debutto Nazionale Gennaio 2013 - Teatro dell’Orologio, Roma
più di 50 repliche a Roma
più 70 repliche tra Milano, Vicenza, Padova, Trento, Latina, L’Aquila, Caserta, Napoli, Reggio Emilia, Castrovillari, Lecco, Foggia, Soliera, Firenze, Rieti, Modena, Udine, Trieste, Palermo, Catania
Prenota i posti li troverai e pagherai comodamente al botteghino
ROMATEATRI

Via Gina Mazza 15
00156 Roma
Cell. 333 77 77 007
mail info@romateatri.it
COME RAGGIUNGERCI
In auto impostando le seguenti coordinate GPS 41.932715, 12.566017
Con i mezzi pubblici Capolinea Rebibbia metro B poi Autobus 311 fermata Bartolo Longo/La Fontaine a piedi  2 minuti,
ASSOCIAZIONE CULTURALE
Informazioni riservate ai soli soci
Ingresso con tessera associativa
Torna ai contenuti